A proposito

Il Centro Interuniversitario di Studi Americani e Transatlantici “Piero Bairati” è un centro di ricerca dedicato agli studi americani nel quadro di una prospettiva transatlantica. È costituito dagli specialisti di studi americani attivi negli Atenei Piemontesi, e si propone come soggetto interuniversitario dedicato allo sviluppo di progetti di collaborazione scientifica e culturale e alla costruzione di relazioni con istituzioni accademiche nazionali e internazionali.

Il centro eredita l’esperienza, la storia e la vocazione alla costruzione di rapporti istituzionali internazionali del “Centro Interuniversitario di Studi Americani ed Euro-Americani Piero Bairati”, fondato a Torino da Maurizio Vaudagna nel 1991, e le sviluppa in direzione interdisciplinare, in una prospettiva storico-geografica allargata alle Americhe e all’epoca moderna e contemporanea.

Il Centro Interuniversitario di Studi Americani e Transatlantici “Piero Bairati” abbraccia la prospettiva degli studi americanistici oltre il tradizionale ambito euro-americano per far emergere la matrice transatlantica e globale dei processi e degli eventi storici, culturali, economici e politici che si sono manifestati in area americana a partire dalla prima modernità e fino a oggi.

L’adozione di una prospettiva transatlantica nello studio dei fenomeni connessi alla circolazione di idee, culture, modelli istituzionali, pratiche politiche, merci, oggetti simbolici, individui e gruppi si prefigge di far emergere dinamiche transnazionali che, da un lato, sono irriducibili a quelle circoscritte dal concetto di nazione (e nondimeno fondamentali alla formazione delle nazioni, delle identità nazionali, e dei nazionalismi), e dall’altro sono specifiche di uno spazio atlantico strettamente intrecciato con quello globale. Questa prospettiva ha un duplice obiettivo. In primo luogo intende portare alla luce legami sotterranei, rimossi, o occultati tra diverse aree geopolitiche e culturali, disseminati tra colonie e metropoli, tra poteri imperiali/nazionali e periferie coloniali, tra lingue ufficiali e vernacoli, tra culture residuali e dominanti nelle zone di contatto culturale. In secondo luogo vuole offrire uno sguardo critico e di lungo periodo sui temi politici, culturali e economici di grande rilevanza per la comprensione della contemporaneità.

In coerenza con lo stato dell’arte teorico e storiografico relativo alle culture americane, che nell’ultimo ventennio ha spostato il proprio asse teorico da prospettive eurocentriche a prospettive planetarie, il Centro ambisce dunque a collocare l’americanistica e le relazioni transatlantiche in un orizzonte globale, senza tuttavia rinunciare alla focalizzazione specialistica sugli studi americani e sui temi che ne contraddistinguono le specificità.

Scopi del Centro sono:

– Istituirsi come nuovo soggetto culturale interuniversitario dedicato alla costruzione di relazioni e allo sviluppo di progetti di collaborazione scientifica e culturale con istituzioni accademiche nazionali e internazionali di prestigio e di rilevanza territoriale.

– Promuovere e costruire relazioni e convenzioni internazionali istituzionali finalizzate a dare sostegno alla ricerca, allo scambio di ricercatori, e alla disseminazione dei risultati di ricerca, riprendendo così la vocazione storica del Centro Bairati alla costruzione di convenzioni con centri di ricerca e università internazionali (Cornell University, Columbia University, New York University, University of Maryland).

– Affrontare la discussione pubblica sulle grandi questioni politiche del presente (modernizzazione, post-colonialismo, crisi economico-finanziarie, geopolitiche e ambientali, migrazioni di massa, catastrofi ecologiche, culture digitali, biopolitiche, ecc.) contestualizzandole in una prospettiva diacronica di lungo periodo che ne faccia affiorare simultaneamente la dimensione locale e globale;

– Affrontare la ricerca sulla storia moderna e contemporanea delle culture americane e sui fenomeni da esse generati, contestualizzandoli in un orizzonte globale caratterizzato anche dalla storia della modernità e dei suoi intrecci con i colonialismi, la schiavitù, i commerci e l’evoluzione dei modelli di sviluppo economico e di pensiero, ma evidenziando sempre la specificità transatlantica nella configurazione dei fenomeni americani;

– Affrontare lo studio delle politiche e estetiche della memoria culturale nazionale, e della produzione e circolazione della cultura, in particolar modo in riferimento alle culture urbane, letterarie, simboliche, cinematografiche, architettoniche, ambientali, e alla loro significatività nei processi di appropriazione, uso, e riuso culturale e identitario;

– Promuovere ricerche interdisciplinari tra le Università Piemontesi in cooperazione con altre Università e Centri di ricerca italiani e internazionali;

– Promuovere lo scambio internazionale di americanisti sia ai fini della ricerca che della didattica;

– Promuovere i risultati delle ricerche attraverso pubblicazioni e presentazioni in convegni e seminari;

– Condurre opera di informazione e aggiornamento su questioni e temi di interesse americano e trans-atlantico attraverso iniziative di divulgazione rivolte all’opinione pubblica, alla società civile e alle istituzioni che promuovono e sostengono lo sviluppo economico, sociale e culturale del territorio, anche attraverso il sito web e i social media;

– Sviluppare relazioni e accordi di collaborazione e scambio con enti culturali italiani e stranieri in materia di ricerca, didattica e scambio di personale.